Presente!

 





                       25 Ottobre 2009

              "Ciao Giorgio, voglio prima di tutto confermarti che ho ricevuto le tue due

              mail: non ho parole per elogiarti per ciò che hai fatto e stai facendo af-

              finchè una parte della nostra vita non vada dimenticata per sempre. Non

              hai idea di quanto mi abbia fatto piacere la telefonata che mi hai fatto

              l' altro giorno: l' emozione che ho provato è stata veramente grande.

              Sapessi quanto volte in questi anni ho nominato e ricordato i tempi e le

                        esperienze vissute sia a Bracciano che al Reggimento.

                 Per me sono stati momenti di vita indimenticabili ed emozionanti soprat-

              tutto per le persone che ho conosciuto condividendo con loro momenti di

              gioventù ed esperienze di vita comune fuori dalla norma. Ti faccio anco-

              ra i miei complimenti per la meticolosa ricerca che sei riuscito a portare

              avanti. Sono felice di tutto questo e spero di potervi abbracciare, almeno

              in occasione del prossimo incontro. Sarà un piacere poterti aiutare con le

              informazioni e il materiale che mi hai chiesto. Un forte abbraccio."

                                                      Roberto

 

                                                      


                      06 Dicembre 2009

            "Carissimo, finalmente sono riuscito a trovare un po' di tempo per poter-

            ti inviare foto e notizie. Nonostante il periodo di crisi il lavoro mi prende

            molto tempo ed energie. Ho provveduto a scannerizzare foto di Bracciano

            e del Reggimento che ti invierò in più riprese. Ho qualche difficoltà ad

            indicarti, giustamente, il nome di tutti: per quelli per cui ho dei dubbi ti

            metterò un ?. Come sai la mia avventura da Artigliere comincia a Bracciano

            il 24 Luglio 1967: pensa che ero risultato renitente alla leva perchè i Cara-

            binieri non trovavano il mio indirizzo di casa. La cartolina precetto mi fu con-

            segnata una settimana prima. Il mio adattamento a quel nuovo stile di vita è

            stato abbastanza difficile: mi ci è voluto un po' di tempo per adeguarmi. Devo

            dire che mi hanno aiutato le amicizie strette durante i cinque mesi di corso.

            Al termine dello stesso sono stato assegnato a Udine presso il 27° Artiglieria

            Pesante Semovente, Caserma Osoppo, che ho raggiunto il giorno 16 Dicembre

            1967 insieme a Zulianello, Bolletta, Guardascione e altri che non ricordo. Ma

            ricordo quell'inverno freddo: ho fatto la prima guardia il 12 Gennaio 1968 

            e il termometro, alle 9.30 del mattino, segnava -9. Le camerate, ovviamente

            non erano riscaldate: le riscaldavamo con la nostra presenza e al mattino nota-

            vamo il ghiaccio sui vetri delle fineste. Alla sera mi coricavo con mutandoni di

            lana, un grosso pullover, due coperte sistemate doppie e una per tenerle insie-

            me (stile Fantozzi). La neve a Udine l' ho vista una sola volta e a palline tanto

            era freddo. Hai bevuto il Cordial? (torcibudel delle Forze Armate). Ne ho bevuto

            in quantità: era proprio uno schifo! Erano belli i giorni in cui si andava alla Mensa

            della Romano! Mi hai ricordato un episodio. A proposito di licenze, ti ricordi, inve-

            ce, quando per Ferragosto. chiudendo la Scuola, ci inviarono tutti in Licenza?

            Mi son trovato, nemmeno dopo due mesi di Naja, con i capelli(?) cosi sfumati che

            neanche l' alupecia avrebbe provocato un effetto simile. Non ci crederai, ma mi

            sono presentato alla mia Ragazza, ora mia Moglie, con il collo della camicia

            all' insù, in modo da poter coprire il più possibile la mia nuca e il mio collo ritira-

            to come quello di una tartaruga! Per quanto riguarda gli autori del Makp, chiaren-

            il dubbio di Scopelliti, anche io vi ho partecipato: non ricordo il motivo ma ad un

            certo punto, dovetti lasciare l' incarico. Il mio armeggiare con Facebook sta aven-

            do qualche successo: mia Figlia, già, ride di meno ed è un buon segno. "Credo che

            ste do facce che gacemo fato è sia state utili al to progeto ed altre ancora ne 

            avaria vogia de farghene, tempo permetendo. Si ti già bisogno di qualcossa di al-

            tro di mio vedarò di acontentarte." Duri i banchi, fioi! Questa ultima frase fa ri-

            ferimento al tempo della Serenissima, alle Galere a quando il mare era grosso e

            i rematori avevano difficoltà a rimanere seduti sulle panche. Dal capo dei remieri

            partiva questo incitamento a tener duro. A risentirci presto."

                                                       Roberto 



 

"16 Corso A.C.S." - Powered by Professional Site
There are countless other replica watches sale makers whose quality and aesthetic value surpass that of Rolex by leaps and bounds. Regardless, wearing one of those other replica watches sale around someone who does not know about fine replica watches sale will not have the same effect as a Rolex has on another's perception of the Rolex wearer. Only a Rolex has the power to impress like fancy sounding degrees and titles. Even I, who feels at least slightly immune to the power of Rolex is slowing considering the effects of owning one. I wonder what people would think, which replica watches sale they would react most favorably to. Notice, none of this contemplation has anything to do with what I want personally in swiss replica watches. A Rolex is a pretty standard watch by most measures. They don't do anything particularly special, and yet people want them, and countless other replica watches want to be them.